Madama Butterfly

G. Puccini - CIO CIO SAN

Gran Teatro G. Puccini di Torre del Lago

Teatro Bellini di Catania

Teatro Donizetti di Bergamo

* * * *  

“Donata D’Annunzio Lombardi who provided a performance of outstanding lyric grace, with a fresh and clinging tone, generous phrasing and tingling legato. All these qualities served her well in a truly lovely entrance scene. The voice is a shimmering lyric soprano with just a shadow of darkness in the lower reaches, so that she needs not shift into a rough chest voice to be heard there, nor must she affect coyness to suggest youth: the glow in the tone does that for her already. “ieri son salita” was very inward and sung with consummate beauty, and the love duet had charm and considerable passion. […] Ms D’Annunzio Lombardi’s soprano, while not large, is quite homogeneous and especially rich with overtone, which allowed her to sail over Puccini’s often heavy orchestra and make the most of crucial moments such as the climatic high A of “Ei torna e m’ama”. Thanks to a refined technique, she was able to sing in one single breath phrases that most sopranos break in two parts (for example, in the big second act aria she sang “levarsi un fil di fumo sull’estremo confin del mare” with no breaks)”
Nicola Lischi – operabritannia.com

* * * *

“Donata D’Annunzio Lombardi est une Butterfly proche de l’idéal. L’étendue de sa voix et sa diction exemplaire lui permettent de faire évoluer le personnage sans difficulté: de la jeune fille frêle à la femme que se sacrifie.”
Sylvain Angonin – forumopera.com

* * * *

DRAMMA VERISTA COMPOSTEZZA ORIENTALE
OVAZIONI PER IL SOPRANO DONATA
D’ANNUNZIO LOMBARDI

“…Una prima donna, Donata D’Annunzio Lombardi, che riesce a mettere assieme il riservo tradizionale della donne nipponiche (penso a quelle di Kawabata) con la piena affettiva di quelle del nostro romanticismo (penso alle eroine di Sardou), dunque una Cho Cho San vibrante e innamorata, pronta ad accogliere i parametri morali dell’Occidente. Sul piano canoro Donata D’Annunzio ha una voce limpida, luccicante in tutta la vastissima estensione della sua gamma, intrepida negli acuti, toccante nel registro dei bassi, meritevole delle ovazioni che la hanno salutata anche a scena aperta. E ogni nota corrisponde ad un sentimento, affrontando con assoluta sicurezza le impennate più impervie dello spartito.”
Sergio Sciacca – La Sicilia 

* * * *

IN UN ESOTICO GIAPPONE VOLA ANCORA BUTTERFLY
D’ANNUNZIO LOMBARDI

“Ciò che ha costituito un valore aggiunto è stata l’interpretazine della protagonista, il soprano Donata D’Annunzio Lombardi. Finalmente una Butterfly in grado di scolpire il personaggio in tutti i suoi aspetti, in tutte le sue sfumature, dondole vita, rendendola credibile ed umana con una recitazione che sottolinea i momenti di fragile infantilità (ricordiamo che Cio Cio San ha quindici anni appena), l’appassionato bisogno d’amore, l’indomabile fiducia nel ritorno del fedifrago marito, la determinata volontà di salvaguardare l’onore perduto col suicidio. La voce la sostiene in tutti i registri passando con disinvoltura dalle mezze voci ai frenetici e palpitanti acuti.”
I Vespri – Aldo Mattina

* * * *

“…Cio Cio San bene interpretata dal soprano Donata D’Annunzio Lombardi che ha meritato i calorosi applausi tributati a lei dal pubblico del Bellini alla fine della rappresentazione. Il soprano italiano è stato protagonista di un’ottima prova, calandosi perfettamente ora nei panni della bambina ingenua ora in quelli dell’eroina che sa morire con onore perché non può serbar vita con onore.; toccante e commovente è stato il suo addio al figlio (Tu? Tu? Tu? Tu? / Piccolo iddio) prima del suicidio.”
gbopera.it – Riccardo Viagrande

* * * *

LOMBARDI MATTATRICE AL BELLINI

“Una presenza scenica notevole, un grande feeling con il pubblico: il soprano Donata D’Annunzio Lombardi è la trionfatrice del debutto di Madama Butterfly, ieri sera al Teatro Bellini di Catania. La cantante, nel ruolo della protagonista Cio Cio San, ha incantato il pubblico contribuendo in modo determinante al successo della serata.”
Quotidiano di Sicilia

* * * *

UNA FARFALLA DALLE ALI DI VELLUTO

“Donata D’Annunzio Lombardi ha delineato il personaggio eponimo da un punto di vista canoro con eleganza, musicalità, schiettezza di modi ed emissioni ben controllate.; altrettanto scorrevole e disinvolta ci è parsa la sua recitazione.”
Bellininews.it – Giovanni Pasqualino

* * * *

“…spicca interpretazione di Donata D’Annunzio Lombardi, nel ruolo di Madama Butterfly, con un canto sicuro in tutti i momenti, accompagnato da una ben dosata espressività che non poche volte ha destato la commozione dello spettatore.”
associazione akkuaria.it – Alessandro Scardaci

* * * *

“Sul piano musicale, poi, si poteva contare, questa volta, su una presenza protagonistica decisamente positiva, la quale focalizzava, anzi, le attenzioni e le emozioni, perché Donata D’Annunzio Lombardi è interprete che riesce a dare credibilità e commozione ad un personaggio ormai entrato nell’immaginario collettivo; la sua farfalla Butterfly palpita d’amore e di incrollabile fiducia, rende inevitabile il sacrificio per onore e lo fa con partecipazione ed un variegato e disinvolto impiego della voce in tutti i suoi registri.”
Aldo Mattina

* * * *

APPLAUSI SCROSCIANTI PER LA SIGNORA DELLE FARFFALLE

“In scena ad interpretare il ruolo dell’innamorata protagonista è l’abilissimo soprano Donata D’Annunzio Lombardi: Premio Danzuso 2010, Albo D’Oro Puccini nel 2011, blasonata voce nelle opere pucciniane (Musetta, Liù, Mimì, Magda, Butterfly), ha ottimamente rivestito la figura della giapponesina ricevendo copiose congratulazioni fra gli altri nella famosa romanza Un bel dì vedremo.”
livesicilia.it – Nunzio Condorelli Caff

* * * *

“La protagonista femminile Donata D’Annunzio Lombardi ha strappato applausi a scena aperta soprattutto durante il secondo atto (vedi l’aria “Un bel dì vedremo” e “Che tua madre dovra prenderti in braccio”), che l’ha vista sempre al centro dell’attenzione. In particolare è emersa la sua penetrante e incisiva liricità di stampo pucciniano, oltre che l’eleganza dei movimenti”
L’Eco di Bergamo – Conquistati da una “Butterfly” doc
Lorenzo Tassi 

“Sopra tutti ha spiccato il volo la Butterfly di Donata D’Annunzio Lombardi, una Cio-Cio-San che ha convinto ed entusiasmato il pubblico con la sua voce cristallina e potente e che, al calar del sipario, ha ricevuto un vero tributo personale”
www.amleto.tk – Una farfalla da applausi – Danilo Ruocco 

* * * *

“Un tripudio d’applausi invece per la protagonista D’Annunzio Lombardi…veramente brava, che cantava la ‘sua’ Butterfly”
lanuovaferrara.gelocal.it – Athos Tromboni

* * * *

“…una Cio-Cio-San esemplare per intensità recitativa… il centro dell’attenzione era Lei, la tenera farfalla che infiamma i sensi del fatuo tenente yankee: e qui Donata D’Annunzio Lombardi ha superato sé stessa, con bella gamma di accenti e di espressioni, delicata ma senza leziosaggini, tragica ma composta nel finale”
teatro.org – Gilberto Mion 

* * * *

“Badate, ella ci crede!”. E Donata D’Annunzio Lombardi ci ha creduto decidendo il debutto nel ruolo di Cio Cio San, avvenuto sullo stesso palco che la vede, negli stessi giorni, ottima Liù. Il soprano è una Butterfly fisicamente credibilissima, graziosa, femminile eppure ferrea e con una insospettata vena drammatica. La voce è assolutamente ben proiettata sì che anche le più piccole sfumature e i preziosismi, usati con intelligenza e senza abusarne, vengono giustamente esaltati. I tempi estenuanti, bellissimi, di Eve Queler mettono in mostra la morbidezza dell’emissione, il legato, il fraseggio armonioso ed elegante, così tipicamente pucciniano, che riconosciamo come uno dei tratti caratteristici dell’artista. L’omogeneità nei registri e la sicura salita all’acuto regalano momenti molto belli come il “Lontan ci porterà” tenuto e improvvisamente smorzato sul colpo di cannone, con un sicuro effetto drammatico”
Marilisa Lazzari – Opera click